gioco

Demolito lo storico edificio della parrocchia di Mazzoleni Nuova zona pedonale e parco entro l’estate


A Sant’Omobono Terme il Comune e la parrocchia della frazione Mazzoleni uniscono le forze per migliorare la viabilità pedonale di via Kennedy e realizzare un parco giochi ad uso pubblico. Nel 2015 lungo il terreno di un pensionato (casa riposo) di proprietà della parrocchia, in via Kennedy è crollato un muro di sostegno. Non avendo la parrocchia le possibilità economiche per ricostruirlo, il Comune si è così offerto di sistemarlo chiedendo in cambio il terreno della struttura per realizzare un parco pubblico.

Sottoscritta la convenzione, che permetterà al Comune di Sant’Omobono Terme di gestire il futuro parco per i prossimi 19 anni, l’Amministrazione non si è limitata alla sistemazione del muro ma ha colto l’occasione per riqualificare totalmente la viabilità pedonale in via Kennedy al fine di rendere più fruibile e sicuro l’ingresso a scuola elementare, asilo e parco con un nuovo marciapiede di circa 50 metri. Prima di procedere con i lavori la parrocchia ha poi provveduto alla demolizione del pensionato, edificio storico risalente agli anni ’30, e dichiarato inagibile dal 2002 in seguito ad un’alluvione, e il cui recupero sarebbe stato economicamente molto gravoso.

Grazie all’aiuto del consigliere comunale di Sant’Omobono Terme e della Provincia di Bergamo Demis Todeschini, la parrocchia ha ottenuto i contributi per lo smantellamento dalla Fondazione Istituti Educativi di Bergamo e dal Consorzio BIM Bergamo del Lago di Como e dei fiumi Brembo e Serio.  «La Sovrintendenza – ha spiegato il parroco della frazione Mazzoleni di Sant’Omobono Terme, don Massimo Perrucchini – ha redatto una perizia da cui è emerso che l’edificio era inagibile e pericolante, da qui la scelta di procedere con l’abbattimento, seppur a malincuore».

«Il parco giochi della frazione Mazzoleni – ha poi voluto sottolinere il consigliere comunale e provinciale Demis Todeschini –, è un opera a cui ho sempre tenuto fortemente. Un bisogno sentito dalla comunità, che abbiamo intercettato sin dal primo mandato del 2011 ma che si è mostrato complesso. Un sentito grazie all’instancabile don Massimo che si è sempre adoperato affinché il progetto vedesse la luce».

L’investimento del comune è stato di circa 65 mila euro. «Bella iniziativa che ha coinvolto parrocchia di Mazzoleni e il comune. Siamo riusciti ad ottenere un risultato egregio proprio perché abbiamo lavorato tutti insieme. C’era davvero bisogno di uno spazio verde a Mazzoleni – ha poi aggiunto il sindaco -. Dover demolire il pensionato è stato per me un dispiacere ma l’edificio, seppur storico, era molto pericolate», ha poi proseguito il primo cittadino del comune di Sant’Omobono Terme Paolo Dolci.  I lavori, che vedrano quindi la realizzazione del nuovo parco giochi ad uso pubblico e la riqualificazione viabilistica, che prevede secondo il progetto una nuova zona pedonale, sono iniziati già da qualche settimana, e dovrebbero terminare – salvo imprevisti -, entro l’estate.

 


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Malegno: una panchina per Regeni

Il caso Regeni ha scosso tutt’Italia e cinque anni dopo il rapimento del giovane ricercatore, Malegno inaugura una panchina gialla, simbolo della giustizia. Sul legno