Dall’ergastolo ai domiciliari per paura del Covid-19

Il Tribunale di Sorveglianza ha concesso a Bruno Lorandi di continuare a scontare ai domiciliari la condanna all’ergastolo che gli è stata inflitta. 71 anni ed ex marmista di Nuvolera, Lorandi è stato condannato al massimo della pena per aver ucciso la moglie Clara Bugna.

L’ avvocato dell’uomo ha chiesto e ottenuto la misura alternativa al carcere, dove attualmente si trovava a Verona, per motivi di salute collegati al periodo sanitario in corso. L’uomo è quindi uscito dall’istituto di pena e ora si trova nella casa di una sorella a Mantova. A livello giudiziario il percorso nei confronti di Lorandi non si è ancora concluso. Infatti, il prossimo novembre sarà chiamato a discutere in Cassazione il ricorso rispetto alla richiesta respinta dalla Corte d’Appello di Venezia di revisionare il processo che ha portato alla condanna di Lorandi.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Lombardia, Attilio Fontana sotto scorta

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, è stato messo sotto scorta. La decisione è stata presa dal Servizio Centrale di protezione del dipartimento di

Sabato a Vilminore il turismo riparte

A Vilminore la stagione estiva inizia ufficialmente con la ripartenza del servizio di bus navetta per la Diga del Gleno. Anche quest’anno infatti l’amministrazione comunale