gatti.jpg

Dal 1 gennaio microchip obbligatorio anche per i gatti

A partire dal 1° gennaio 2020 in Lombardia anche per i gatti sarà obbligatorio il microchip: la norma è contenuta nel Piano regionale integrato della sanità pubblica veterinaria 2019-2023. Obbligatorio nei cani già dal 2005, ora Regione Lombardia sperimenta la sua applicazione anche per i felini.

L’obbligo però sarà solo per i gatti appena nati, appena adottati o appena comprati. Per tutti gli altri inserirlo o meno, spetterà ai proprietari. Il microchip funziona come quello per i cani. Può essere applicato solo da un veterinario e va inserito sotto pelle, di solito tra il collo e la spalla sinistra. Un’operazione molto semplice che non necessita di anestesia ma solo di una speciale siringa che “inietta” il microchip direttamente sottopelle. Il tutto per un costo tra i 30 e i 50 euro. Poi il veterinario inserisce i dati nell’anagrafe regionale, un sorta di “carta d’identità” che permetterà l’identificazione dell’animale in caso di smarrimento.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in