Coronavirus, a Bergamo muore un altro medico di base

È morto domenica 22 marzo, intorno alle 12, Vincenzo Leone.  Siciliano orgoglioso, aveva sessantacinque anni. Lascia la moglie e due figli. Era vicepresidente dello Snami di Bergamo (Sindacato nazionale autonomo dei medici italiani) e membro del comitato aziendale per le cure primarie nell’Ats di Bergamo. Nel corso degli anni è stato anche impegnato nella vita amministrativa dei Comuni di Urgnano e Zanica, dove viveva.

Al momento sono oltre 130 i medici di base colpiti dal virus, alcuni dei quali versano in condizioni critiche. Si tratta della terza vittima da coronavirus tra i medici di base della provincia di Bergamo. Nei giorni scorsi avevano perso la vita anche Antonino Buttafuoco, 66 anni, di Brignano, e Mario Giovita, 65 anni, in servizio a Caprino e Cisano.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Borno coinvolto nella GeoNight 2021

Cinque anni fa, in una dozzina di città francesi si celebrò per la prima volta la GeoNight, proposta dal Comitato Geografico Nazionale Francese (CNFG). Dal