Incidente Mola

Cordoglio a Edolo per Fausto Arzaroli

La comunità di Edolo partecipa commossa al lutto della famiglia Arzaroli per la morte di Fausto, 67 anni, avvenuta domenica 22 luglio poco dopo le 19,00 nella terribile vicenda che ha visto Fausto, con il Fratello Dario di 64 anni, vittime dell’uscita di strada nella ripida scarpata della Fiat Multipla sulla quale stavano viaggiando assieme sui monti di Edolo per raggiungere il “Bait di Cuel” dove erano attesi per la cena.

I due stavano salendo da Edolo: ed hanno imboccato la strada agrosilvopastorale del Restone che sale in Mola; ad un certo punto la strada presenta una biforcazione in discesa verso sinistra per chi sale che conduce al Bait Cuel della famiglia Arzaroli. In quel tratto, per cause che sono al vaglio dei carabinieri di Edolo intervenuti per i rilievi, la Fiat è sbandata ed è finita decine di metri più sotto fermandosi contro un grosso abete. Alla guida dell’auto c’era Dario, ex-dipendente dell’Ospedale di Edolo, e al suo fianco Fausto che è’ stato sbalzato fuori dall’auto riportando ferite mortali. Il medico del 118 a bordo dell’elicottero di Brescia, vericellato in zona, non ha potuto fare altro che constatarne la morte, mentre Dario è stato trasportato in codice rosso al Civile di Brescia dall’elicottero: le sue condizioni, fortunatamente, stanno lentamente migliorando. Nel pomeriggio di questo lunedì la salma di Fausto è stata trasferita nella sala del commiato di Edolo; il funerale verrà celebrato domani alle 15.00 nella chiesa di Santa Maria Nascente. Fausto Arzaroli lascia la moglie Luciana Zaina e i figli Marco e Roberta, che vivono a Torino. Fausto si era trasferito infatti in Piemonte molti anni fa dove aveva lavorato alla Fiat e dove si era creato una famiglia. Tornava spesso a Edolo, dove vivono i fratelli e la sorella.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare