Carabinieri blocco

Controlli a tappeto nella bassa Bresciana

I Carabinieri della Compagnia di Chiari, a conclusione di un programmato servizio coordinato finalizzato al controllo delle strade maggiormente frequentate dai giovani della movida notturna ed alla prevenzione/repressione di reati contro il patrimonio e inerenti la guida in stato di ebrezza e sotto effetto sostanze psicotrope, nello scorso fine settimana danno ottenuto importanti risultati.

E’ stato arrestato un 33enne palestinese, senza fissa dimora, celibe pluripregiudicato che mentre si trovava in sella al ciclomotore marca Piaggio, rubato a Palazzolo sull’Oglio poco prima, non si è fermato all’alt dei militari, fuggendo nel tentativo di guadagnarsi l’impunità. Poco dopo è stato bloccato dagli stessi militari e accompagnato in caserma ove gli sono stati contestati i reati di resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione e falsità ideologica, avendo fornito anche generalità false. Il ciclomotore è stato restituito al proprietario e l’arresto del palestinese è stato confermato. Sono quindi state fermate una ventina di autovetture e identificate 60 persone. Sono poi stati controllati 4 locali pubblici notturni tra i comuni di Rudiano, Coccaglio e Capriolo. Sono state elevate numerose contravvenzioni per violazioni di natura amministrativa al Codice della strada ed è stata ritirata una patente di guida. Infine,. È stata sequestrata una dose di cocaina rinvenuta a terra in uno dei bar controllati, probabilmente gettata da qualche avventore alla vista dei militari.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché