freccia rossa

Centro Commerciale Freccia Rossa in crisi

Grave crisi per il centro commerciale Freccia Rossa di Brescia. La situazione instabile pare dovuta all’alta concorrenza e a una situazione di bilancio negativo non indifferente, con 80 milioni di debiti verso le banche.

Freccia Rossa è una struttura giovane, fondata dalla società portoghese Sonae Sierra nel 2008. Il crescente innalzamento della concorrenza (tra cui l’apertura del nuovo shopping center Elnos) e un costante bilancio negativo, hanno portato il centro commerciale bresciano sull’orlo della crisi. Con i suoi 110 negozi e 30 metri quadrati di superficie, sarebbero a rischio quasi 400 posti di lavoro, oltre che pesanti ricadute economiche sull’intera città di Brescia.

Non tutto il male vien però per nuocere e una situazione di crisi può essere sfruttata come trampolino per un rilancio sul mercato. Pare infatti sia già stato istituito un piano di riqualifica della struttura che verra presentato nei prossimi quattro mesi. Tra le ipotesi per il rilancio, un maggior investimento nella parte ristorativa e della parte dedicata al cinema, aree che hanno sempre attratto una forte clientela, a differenza dei negozi, molti dei quali hanno chiuso e lasciato spazi inutilizzati. Restano in posizione scomoda i sindacati, i quali lamentano di non esser mai riusciti a confrontarsi con i vertici del centro in merito all’occupazione dei lavoratori, che rimangono precari e per il momento senza certezze future.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli