controlli Carabinieri

Carabinieri e Polizia locale per la sicurezza in alta Vallecamonica

Carabinieri di Breno e agenti della Polizia locale dell’Unione dei Comuni dell’alta Vallecamonica hanno effettuato un controllo straordinario del territorio in comune di Monno, in località Iscla, lungo la statale 42, dalle 9.00 alle 12.00 di domenica 20 agosto.

Il traffico è stato incanalato facendolo passare in uno slargo a lato della carreggiata, con un rallentamento obbligato per tutti i veicoli in transito, permettendo un controllo visivo di ogni mezzo, specialmente delle moto. Tutto è stato organizzato dopo alcune segnalazioni che denunciavano comportamenti ritenuti pericolosi da centauri sulla Statale 42, nel tratto Edolo-Ponte di Legno. Il posto di blocco a Monno ha portato a sanzionare 8 motociclisti per modifiche costruttive ai mezzi e a questi è stata ritirata la carta di circolazione con ora l’obbligo di revisione straordinaria: in quasi tutti i casi era perché era stata posizionata la targa rivolta troppo verso l’alto, pensando che non potesse essere letta dagli autovelox. In totale sono state controllate circa 100 moto e circa 200 auto, utilizzando anche un rilevatore di targhe automatico, in dotazione temporanea alla polizia locale, che consente di controllare a distanza se un mezzo è provvisto o meno di assicurazione, ha la revisione scaduta o se è rubato. Al termine delle operazioni sono stati elevati 15 verbali per operazioni di sorpasso, 2 per veicoli senza assicurazione, che sono stati quindi sequestrati, un verbale per guida senza patente, con fermo veicolo per tre mesi, 7 sanzioni per mancata revisione, più una patente ritirata. Con il comandante del Nucleo radiomobile di Breno c’erano due equipaggi, una pattuglia di carabinieri di Edolo e una di Cevo, in collaborazione con la Polizia locale guidata dal vicecommissario Giacomo Giorgi.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare