Bomba d'acqua Angolo.jpg

Bombe d’acqua in bassa Vallecamonica

La bassa Valle Camonica, tra Boario Terme ed Angolo Terme, dalle 16.00 alle 18.00 di questo martedì 21 maggio è stata colpita da una serie di “bombe d’acqua” con scrosci di grande violenza, con grandine e vento.

La zona più colpita è stata quella accanto a Lago Moro e a Capo di Lago sono saltare tubazioni e canali di scarico e cascate d’acqua si sono rovesciate in via Calatafimi in località Corne Rosse di Darfo e nei cortili e negli scantinati di via Regina Elena, ad Angolo Terme con una quantità Un’abitazione vicino al ponte sul Dezzo è stata sventrata da acqua e fango e il proprietario, un 50enne che vive con il fratello, è stato soccorso e trasportato all’ospedale di Esine con lievi ferite. Proprio all’imbocco del paese di Angolo Terme, il piccolo torrente, quasi sempre a secco, che taglia il bosco e finisce nel Dezzo, è tracimato con una grande violenza ricoprendo di acqua e fango la Provinciale e riempiendo i piani terra di alcune abitazioni. I vigili del fuoco di Boario Terme con i volontari di Darfo e Breno, i Carabinieri di Darfo e Breno e decine di volontari della Protezione civile hanno lavorato fino a notte con lpaiuto di molti residenti che armati di pale e scope, hanno liberato strade, garage e marciapiedi. L’unica casa dichiarata inagibile è quella dei fratelli Dovina, completamente invasa dal fango, ad Angolo Terme. Ma i danni sono rilevati anche a prati, giardini, cantine e box di diverse case in località Sorline, a Capo di Lago e a Corna di Darfo che sono finiti sott’acqua anche se non si sono registrati danni a persone.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”