regione lombardia sede

Bando regionale per i nuovi DG della Sanità

Sono state aperte le procedure per la selezione dei nuovi direttori generali della sanità lombarda che entreranno in servizio il prossimo1gennaio 2019. Nel Bresciano sono sei le posizioni in ballo:si tratta delle direzioni generali di Ats Brescia e dell’Ats della Montagna (che comprende la Val Camonica e la Valtellina) e delle Asst degli Spedali Civili, del Garda, della Franciacorta e della Val Camonica.

Fino al prossimo 19 agosto coloro che siano in possesso dei requisiti richiesti possono candidarsi per la selezione dei nuovi direttori. Le candidature devono essere inviate alla Direzione Generale Welfare (welfare@pec.regione.lombardia.it) secondo il facsimile di domanda allegato all’avviso pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione. I soggetti interessati, compresi coloro che già ricoprono la carica di direttore generale,sono coloro che risultano iscritti nell’elenco nazionale di idonei alla nomina di direttore generale di azienda sanitaria regionale pubblicato sul sito del Ministero della Salute. Sulla base delle candidature che arriveranno in Regione la commissione incaricata proporrà al presidente della Giunta regionale, per l’approvazione, una rosa di 100candidati nell’ambito della quale verranno scelti entro dicembre quelli che presentano requisiti più coerenti con le caratteristiche degli incarichi da attribuire. I nuovi criteri introdotti dalla Regione stabiliscono che non potrà ricoprire l’incarico di direttore generale nella stessa azienda sanitaria colui che ha già ricoperto tale incarico per due volte consecutive nella stessa. In base a tale criterio le nuove nomine dovrebbero portare a un cambio al vertice di Ats Brescia e dell’Asst Spedali Civili in quanto gli attuali dg Carmelo Scarcella ed Ezio Belleri sono già al secondo mandato nella stessa azienda.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare