guardia di finanza 2

Aziende agricole camune segnalate dalla Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza di Pisogne ha segnalato quindici aziende agricole della Valcamonica denunciando 12 persone.

Le Fiamme Gialle avrebbero accertato infatti che le aziende incassavano risorse della Politica Agricola Comune dell’Ue su terreni intestati a soggetti defunti, oppure sui quali gli eredi non sapevano esserci dei contratti di affitto. L’accusa principale è di frode da 514 mila euro ai danni dell’Unione Europea. L’attività d’indagine da parte della Finanza era iniziata nel 2013 nell’ambito del progetto “Bonifica” del Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie della Guardia di Finanza di Roma. Così i militari di Pisogne hanno avviato i controlli per contrastare il sistema di frode alle direttive comunitarie. La Pac, infatti, garantisce contributi in campo agricolo per migliorare la produttività, sviluppare il progresso tecnico e assicurare un impiego migliore dei fattori di produzione, manodopera e tenore di vita. Per quanto riguarda la frode scoperta, alcune aziende avrebbero incassato contributi su terreni di proprietari deceduti. Lo hanno notato i militari dopo aver analizzato vari documenti seguiti dai riscontri a livello contabile. In alcuni casi è stato persino riscontrato come non ci fosse alcun contratto di uso dei terreni. Così le aziende inserivano nelle richieste di finanziamenti anche pezzi di terreno sulle montagne camune di cui non avevano diritto. L’accusa per tutti è di indebita percezione di aiuti comunitari nel settore agricolo, mentre è stato disposto il recupero delle indebite erogazioni alle dodici aziende.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare