CC BAagnolo carte credito.jpg

Arrestati madre e figlio ladri seriali

I Carabinieri di Bagnolo Mella hanno arrestato su provvedimento del GIP del Tribunale di Brescia una donna veneta di 44 anni residente a Bagnolo Mella ed il figlio 24enne per il reato di furto aggravato in concorso. Per la donna c’è anche l’accusa di ricettazione ed indebito uso di carte di credito.

La donna, dall’ottobre 2017 a giugno 2018 in otto occasioni (in due occasioni anche con il figlio) aveva preso di mira le autovettura in sosta nei pressi dei centri commerciali e luoghi di culto dei paesi bresciani, tra cui Flero, Capriano del Colle, Roncadelle, Rodengo Saiano e Castenedolo, impossessandosi delle borse e degli oggetti lasciati incustoditi. Il copione era sempre il medesimo: dopo aver asportato la borsa cercava le carte di credito di cui si procurava il pin, qualora incautamente fosse stato annotato in qualche foglietto lasciato nella borsa, per poi recarsi immediatamente presso sportello ATM e procedere al prelievo dei contanti prima del blocco. Grazie ad una azione congiunta dei carabinieri delle stazioni di Bagnolo Mella, San Zeno Naviglio, Castenedolo e Roncadelle, che con un lavoro di analisi delle immagini delle telecamere dei centri commerciali e dei sportelli ATM dove venivano prelevati i contanti nonché delle lettori targa dei Comuni interessati, i due sono stati identificati senza ombra di dubbio e per loro sono scattate le manette. Attualmente la donna si trova nella casa circondariale di Brescia ed il figlio agli arresti domiciliari, entrambi in attesa del processo.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”