Annullata l’ennesima apertura delle Cascate del Serio

Annullata l’apertura delle Cascate del Serio in programma domenica 22 agosto. Lo stop questa volta non è imposto dalla pandemia, ma dalla frana che si è staccata domenica sopra la mulattiera che porta al rifugio Curò. A comunicare la decisione, attraverso una nota, la sindaca Romina Riccardi, l’assessora al Turismo Alessia Moraschini e Monica Semperboni di Turismo Valbondione.

“A seguito del distacco franoso, i sentieri CAI n. 305, n. 305/B e n. 306 sono stati chiusi al transito pedonale e veicolare per ragioni di pubblica sicurezza poiché la frana è ancora attiva e continua a scaricare a valle massi e terra. L’unica via di andata per raggiungere il punto di osservazione delle Cascate è il sentiero n 332 che imbocca dalla località Pianlivere. L’apertura delle Cascate del Serio attira un vasto numero di spettatori che, sebbene contingentati a 5.000, risulta davvero impossibile gestire attraverso un unico sentiero – si legge nel comunicato -. È preclusa anche l’accessibilità dei mezzi di soccorso che potrebbero rendersi necessari. Altrettanto difficile risulta in questi giorni controllare le persone che incuranti dei divieti (transenne, avvisi sia cartacei che via web) continuano a percorrere i sentieri e le zone interessate dalla frana mettendo a grave rischio e pericolo la propria incolumità. Per tutto questo, con grande dispiacere, è necessario annullare l’apertura delle Cascate del Serio prevista per domenica 22 agosto 2021. Per coloro i quali hanno acquistato il ticket on line per il parcheggio del 22 agosto verrà disposto rimborso con modalità che verranno comunicate a breve agli interessati. Per domenica 22 agosto, sul territorio di Valbondione, non sarà valido il ticket acquistato on line, ma solamente il gratta&sosta o ticket emesso dai parcometri”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare