Angelo Borrelli: “Possibile fase 2 intorno a metà maggio”

Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha spiegato che il popolo italiano deve prepararsi a stare a casa ancora per molte settimane. Misure necessarie per evitare che la catena dei contagi sfugga di mano. “Gli ospedali oggi sono meno in affanno, ma continuiamo a rispettare le regole“.

Dobbiamo aspettarci di essere a casa anche il primo maggio – ha proseguito Borrelli a Radio Capital – La situazione attuale ci permette di respirare, soprattutto per quanto riguarda le strutture sanitarie e le terapie intensive che si stanno alleggerendo di un carico di lavoro straordinario”. Il messaggio è chiaro: bisogna andare avanti con il massimo rigore.

La fase 2. Alla domanda se la cosiddetta “fase 2” potrebbe iniziare dal 16 maggio, Borrelli ha risposto: “Se l’andamento non cambia, potrebbe essere come potrebbe essere prima o dopo. Dipende dai dati. La situazione ora è stazionaria, dobbiamo vedere quando questa situazione inizia a decrescere. Non vorrei dare delle date, però da qui al 16 maggio potremo aver dati ulteriormente positivi che consigliano di riprendere le attività e cominciare quindi la fase 2“.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Lombadia, ancora alto il numero di decessi

Aggiornamenti relativi ai dati pubblicati sabato 30 maggio. In totale in Lombardia sono stati eseguiti 88.758 tamponi positivi dall’inizio dell’epidemia, 221 in più di venerdì. I