Ancora una rete di frodo a Marone

Sabato 7marzo è stata riportata a galla e mandata al macero la rete ripescata nelle acque del Sebino a Marone. Una rete lunga poco meno di 100 metri e alta uno e mezzo.

Si tratta della 19esima rete fantasma recuperata dal gruppo sub North Central Divers, dalla Guardia Costiera Ausiliaria del Sebino e dalla Polizia Provinciale. La rete era situata a circa 50 metri di profondità, al largo di Vello di Marone e aveva intrappolati un centinaio di pesci, che sono stati liberati e rigettati nel lago. La rete poi è stata consegnata agli agenti della Provinciale che hanno verificato che non era possibile identificarla mancando le etichette di legge e perciò è stata distrutta.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli