Amministrative 2017, aperte le operazioni di voto.


Tornata elettorale per il rinnovo dei consigli comunali e l’elezione diretta dei sindaci per 1.005 municipi, appuntamento che riguarda – tra regioni a statuto ordinario e speciale – 9 milioni 208.639 elettori (su una popolazione di 10 milioni e 616.621), che esprimeranno il proprio voto in 25 comuni capoluogo di provincia, di cui 4 capoluoghi di Regione, e 161 con più di 15mila abitanti. Le urne, rimarranno aperte dalle ore 7 alle 23: nelle regioni a statuto ordinario l’11 giugno, con eventuale turno di ballottaggio il 25 giugno.

Il turno di ballottaggio, si terrà la seconda domenica successiva a quella del primo turno e al quale partecipano i due candidati a sindaco più votati, riguarda i comuni con popolazione superiore ai 15mila abitanti, nel caso nessuno abbia raggiunto la maggioranza assoluta dei voti; oppure, ancora per i Comuni con più di 15mila abitanti, se i due candidati abbiano avuto un numero pari di voti.

Sono 21 i capoluoghi di Provincia al voto (Alessandria, Asti, Belluno, Como, Cuneo, Frosinone, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani) e 4 capoluoghi di regione (Palermo, Genova, Catanzaro e L’Aquila). Superano i 100mila abitanti: Genova, Monza, Padova, Palermo, Parma, Piacenza, Taranto e Verona. Le comunali di quest’anno riguarderanno soprattutto i comuni di Lombardia, Sicilia, Campania, Piemonte, Veneto, Calabria e Sardegna. In termini assoluti, tra regioni a statuto ordinario e speciale, il numero più alto di elettori (almeno a stare alla rilevazione del 31 dicembre 2016) risulta essere in Sicilia, a quota 1.545.694, distribuiti in 129 comuni; al secondo posto la Lombardia, con 1.158.821 elettori e 139 città, seguita dal Veneto (997.642 e 87), dalla Puglia (885.113, 54), Campania (810.443, 88), Liguria (655.613, 19), Piemonte (532.324, 96) e Lazio (530.260, 55). Al momento ammontano a 132 i comuni che andranno alle urne perché commissariati. Si voterà anche in 11 nuovi comuni nati a seguito di processi di fusione.

In Valle Camonica occhi puntati su Darfo Boario terme, dove si sfidano tre candidati, e Malonno

21 i paesi bergamaschi che andranno al voto.  Il più piccolo è Blello, con i suoi 128 elettori, 54 in paese più altri 74 all’estero. Gli altri Comuni sono: Villongo, Mozzo, Sovere, Fornovo, Oltre il Colle, Averara, Brembate Sopra, Cisano Bg, Villa d’Adda, Arzago d’Adda, Parzanica, Mezzoldo, Curno, Gandino, Leffe, Solto Collina, Carona. Per la maggior paerte di tratta di realtà che hanno votato nel 2012, salvo 3 casi di commissariamento (Carona, Villa d’Adda, Fornovo), e quindi a scadenza naturale dopo i 5 anni di mandato.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli