Alluvione: 10 milioni di euro da Credito Bergamaso

Attraverso le filiali del Credito Bergamasco il Banco Popolare offre un concreto aiuto a chi ha subito i danni della terribile ondata di maltempo che ha colpito la bergamasca.

È stato stanziato uno speciale Plafond di 10 milioni di Euro per l’erogazione di nuovi finanziamenti alle imprese e alle famiglie, concessi per sostenere le spese per le operazioni di ripristino locali e attrezzature, sostituzione macchinari danneggiati e approvvigionamento nuove scorte. La durata massima prevista è di 5 anni, di cui il primo di preammortamento, e le condizioni economiche risultano estremamente agevolate. Per le famiglie è previsto uno specifico finanziamento, offerto sempre a condizioni agevolate, destinato al ripristino dei danni causati dall’alluvione.

Inoltre è aperta la possibilità di sospensione delle rate dei Mutui/Finanziamenti in essere per le famiglie e le imprese colpite dagli eventi calamitosi, con conseguente prolungamento del periodo di rimborso.

Il Gruppo Banco Popolare è pronto a valutare l’adesione ad ulteriori iniziative di carattere agevolato che dovessero essere attivate su iniziativa e con la partecipazione delle Istituzioni, Enti Territoriali, Associazioni di Categoria e Confidi.
«Si tratta di una serie di interventi tempestivi che testimoniano l’attenzione del Banco Popolare verso le emergenze del territorio – spiega Roberto Perico, Responsabile della Divisione Credito Bergamasco – un modo concreto per rimanere a fianco delle famiglie e delle imprese, offrendo un aiuto per superare momenti difficili come questi».

Le famiglie e le imprese interessate potranno rivolgersi a tutte le filiali del Credito Bergamasco per acquisire le informazioni utili per aderire alle iniziative.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare