Alla Rsa Ninj Beccagutti parenti e ospiti tornano ad abbracciarsi

Da qualche ora alla casa di riposo Ninj Beccagutti di Esine ospiti e familiari sono tornati ad abbracciarsi. Per tanti è stato il regalo di Natale più bello, dopo mesi di lontananza forzata o, al massimo, di saluti da dietro una vetrata. L’abbraccio è permesso tramite dei lunghi guanti di plastica che spuntano dalla finestra: non è il modo a cui siamo abituati, ma in tempo di Covid è l’unico possibile. Gli ospiti della struttura possono avvicinarsi alle finestre sulle quali è stato montato il dispositivo, infilano le braccia nei manicotti e lo stesso fanno i loro congiunti. Una volta terminato il saluto, i guanti e le finestre vengono disinfettati.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli