Aggredita una barista a Gratacasolo

Una barista, titolare di un esercizio commerciale a Gratacasolo di Pisogne, è stata brutalmente aggredita all’interno del luogo di lavoro, nella notte tra mercoledì e giovedì scorso. La notizia è stata resa ufficiale solamente nelle ultime ore. La donna, 60 anni, è rimasta vittima della furia e della violenza di un uomo, ultimo cliente del locale: è stata colpita un centinaio di volte da un arma bianca, probabilmente un paio di forbici. Non si trova in pericolo di vita. E’ successo intorno all’una della notte: la donna stava iniziando a fare le pulizie del bar, prima di chiudere: il suo aggressore era un cliente conosciuto, che spesso faceva capolino al locale. Approfittando di un attimo di distrazione, ha impugnato le forbici e l’ha colpita di spalle, minacciandola di morte. La donna è riuscita miracolosamente a scappare, dopo avere ricevuto numerosi colpi e percosse. Da un appartamento di fronte al locale sono stati allertati i soccorsi ed i Carabinieri. L’uomo aveva sottratto l’incasso della serata ed alcune bottiglie di alcolici. E’ stato subito rintracciato e trasportato al Carcere di Brescia, dove si trova rinchiuso con l’accusa di tentato omicidio. La barista invece si trova a casa: oltre ai danni fisici, ovviamente, c’è quello morale.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare