Cerca
Close this search box.
ddio a Tino Gelmi, volontario generoso al Museo del Tessile di Leffe

Addio a Tino Gelmi, volontario generoso al Museo del Tessile di Leffe

La comunità di Leffe ha perso un volontario importante, che ha dedicato competenza e passione al locale Museo del Tessile. Si è spento mercoledì 25 gennaio, all’età di 84 anni, Stefano Gelmi (per tutti Tino) da qualche tempo ricoverato presso la Casa Serena di Via Albertoni. Nato a Comun Nuovo nel novembre del 1938, Tino aveva lavorato a Leffe presso la Tessitura F.lli Bianchi di via Damiano Chiesa. Era un profondo conoscitore dell’attività tessile, ma anche un grande appassionato di pittura. Un campo nel quale prediligeva i pittori del ‘900 e in particolare Giorgio Oprandi.
Nel 2010 era divenuto socio dall’Associazione Ricerche Tessili Storiche onlus (ARTS) che segue sin dalla propria fondazione il Museo del Tessile, oggi sito in via Locatelli. “Si era distinto da subito – ricorda il presidente Gianfranco Bosio – per le conoscenze e la competenza tessile, al punto che divenne da subito il riferimento essenziale per i soci più giovani. Era una persona schiva, che non amava farsi notare, ma sapeva dialogare con tutti, costruendo rapporti umani importanti. Aveva lavorato alacremente per favorire rapporti costruttivi con imprenditori, enti scolastici ed istituzioni.  In Museo curava con passione l’allevamento dei bachi da seta”. Nel 2015 Tino Gelmi aveva avuto l’onore di tagliare il nastro della nuova sede del Museo e la foto di quel giorno memorabile ancora campeggia all’ingresso dell’esposizione. Lascia nel dolore la moglie Andreina, le figlie Stefania con Lillo e Martina, Giovanna con Cesare e Lorenzo, la sorella, i nipoti e i parenti tutti. La salma è composta presso la camera mortuaria della Casa Serena di Leffe, da cui sabato 28 gennaio alle 10 partiranno i funerali verso la Parrocchiale di San Michele.

Condividi:

Ultimi Articoli

Terremoto questa mattina a Lumezzane

Terremoto a Lumezzane, l’evento sismico si è verificato nella mattinata di oggi (giovedì 18 aprile 2024). Come riferito dall’Ingv Roma (Istituto nazionale di Geofisica e