Abbracci.jpg

“Abbracci” di Edoardo Nonelli a Brescia

Inaugurata alla Galleria S. Zenone di Brescia la mostra dell’artista camuno Eodardo Nonelli dal titolo: “Abbracci”. La rassegna ha il sostegno dell’Associazione per l’Arte Le Stelle e UCAI (Unione Cattolica Artisti Italiani) di Brescia e rimarrà aperta al pubblico fino al 6 gennaio 2019.

Abbracci” presenta all’interno della Galleria San Zenone all’Arco di Brescia pietre sapientemente lavorate da Edoardo Nonelli con il nome dell’opera e un riferimento ben preciso. L’artista camuno fa emergere il personalissimo, quanto coinvolgente pensiero sulla vita, le forme tondeggianti che si schiudono, rivelando, nel gioco di pieni e vuoti, di superfici lisce e ruvide di forte carica chiaroscurale, armoniose volute, imprevisti contrasti di linee per liberare dinamiche vitali, ricche di sensibilità oltre il linguaggio scultoreo, fino ad evocare accordi sonori, nell’allusione ai ricci degli strumenti ad arco come luoghi ideali di armonia. Tra le opere esposte spicca il Reliquario della Grande Tribolazione, il concerto d’archi, il pentagramma per Luca, e il legno dei dolori. Presenti le autorità, il nipote di San Paolo VI, esponenti del mondo della cultura bresciana e amici dell’artista. Edoardo Nonelli ha illustrato la ricerca scultorea e il lavoro svolto nel corso degli anni, durante i quali ha collaborato con lo scultore Ettore Calvelli e con l’artista Franca Ghitti. “Abbracci” è visitabile liberamente sino al 6 gennaio 2019 dal mercoledì al sabato dalle 16 alle 19

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Andamento occupazione nella bergamasca

Rispetto alle previsioni, la fine del congelamento dei licenziamenti non ha provocato gli effetti negativi che preoccupavano gli imprenditori del terziario di Bergamo nei mesi

Natale ad Ambivere

Si avvicinano le feste natalizie e, puntualmente, tornano, per la gioia di grandi e piccini, le belle iniziative organizzate dall’amministrazione comunale di Ambivere, da sempre