A Valbondione la tappa finale del 2022 Winter Triathlon

Sulle nevi del centro fondo di Valbondione in alta Val Seriana, è andata in scena la tappa finale del circuito 2022 di Winter Triathlon della Federazione Italiano Triathlon sulla distanza di 5 km di corsa, 10 km di mountain bike e finale di 8 km di sci di fondo. Tre discipline in una, si potrebbe dire, tutte da svolgersi sulla neve e senza soluzione di continuità.

La categoria Elite ha visto il successo del valdostano Giuseppe Lamastra, portacolori del team Trisport che ha chiuso la triplice prova in 1:03’36” battendo nello schuss finale il compagno di squadra Alessandro Saravalle. Sul terzo gradino del podio Franco Pesavento del Granbike Triathlon (una settimana fa quarto classificato agli europei di specialità ad Asiago) staccato dal duo di testa di un minuto.

Tra le donne vittoria di Marta Menditto che, grazie a una prova imperiale in mountain bike, ha conquistato un vantaggio sulle dirette avversarie consentendole di chiudere con un minuto e mezzo di vantaggio sulla compagna di team del SAI Frecce Bianche, Martina Stanchi, suo il tempo di 1:26’05”. A completare il podio Lara Masperone del Granbike Triathlon in 1:32’28”.

La gara, organizzata da Friesian Team in collaborazione con Triathlon Bergamo, è intitolata alla Memoria di Mario Merelli, alpinista himalaiano scomparso dieci anni fa. Al via della triplice invernale di Valbondione oltre 60 atleti in rappresentanza di 21 squadre.

La gara è stata la quinta e ultima tappa del circuito FITRI Winter Triathlon 2022 che ha visto il trionfo della società Granbike Triathlon con 1500 punti, lasciando la SAI Frecce Bianche al secondo posto (1392 punti) e la Trisports.it Team al terzo posto a 1.042 punti).

 

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare