api campanile gandino 2016

A Gandino le api non mollano: oggi è il turno del campanile

Tre indizi fanno una prova: le api amano da morire la Basilica di S.Maria Assunta a Gandino.

Dopo lo sciame recuperato lungo un muro perimetrale una decina di giorni fa (ed altri sciami atterrati negli anni scorsi nel giardino del Centro Pastorale di via Bettera), un nuovo corposo nucleo di insetti con relativa Ape Regina ha scelto sabato 19 maggio di crearsi una nuova casa a Gandino, sulle storiche mura della seicentesca Basilica, scrigno di tesori inestimabili.

In tarda mattinata ad avvistare il nuovo sciame è stato il prevosto don Innocente Chiodi, che ha notato l’insolito agglomerato lungo le pareti esterne del campanile. Il sacerdote ha allertato un giovane apicoltore della zona, Giovanni Parolini, figlio di Franco che l’8 maggio aveva provveduto al recupero in una situazione “logistica” certamente più agevole. La collocazione scelta per sabato 19 maggio ha sconsigliato qualsiasi intervento, anche se qualcuno ha ironicamente ricordato a don Innocente la sua impresa da “climber” provetto la scorsa estate, quando salì sul campanile con corde e imbragatura nell’ambito di un’iniziativa del Koren Climb Val Gandino. Le api nel primo pomeriggio, anche a causa della pioggia, hanno cercato un luogo più sicuro, trasferendosi a poche decine di metri di distanza lungo una grondaia del Centro Pastorale. Tempo permettendo lo sciame verrà recuperato nelle prossime ore.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”