danni maltempo clusone

A Clusone si contano i danni per il maltempo

Si sta procedendo con la conta dei danni a Clusone, dopo i violenti temporali successi nei giorni scorsi. Le forti raffiche di vento e la grandine in alta valle hanno fatto numerosi danni, l’amministrazione comunale ha affidato con urgenza i lavori per il taglio delle piante sradicate e danneggiate a causa del maltempo.

Da un primo accertamento pare che la conta dei danni sia quantificabile in circa 50 mila euro, pari ai vari costi per quanto riguarda gli interventi di taglio, il ripristino di cose pubbliche danneggiate ed eventuali danni a privati. L’assessore Giuseppe Trussardi spiega che nella zona del “Tennis” verranno tagliate quasi tutte le piante presenti per poi ripensare ad una nuova progettazione del parco.
I danni maggiori si registrano soprattutto in via Bergamo, quì i vigili del fuoco sono intervenuti a causa di una pianta sradicata che aveva completamente interrotto una strada, cadendo rovinosamente sulla recinzione del parco e creando anche qualche problema al giardino della casa di fronte. Un palo della luce distrutto, altre piante spezzate. Un peccato per uno dei parchi più noti del paese anche se chiuso ormai da tre stagioni. “Sei le piante danneggiate e che stiamo abbattendo, alle quali si aggiunge un abete all’esterno del parco e alcuni rami spezzati su altri che insistono sulla via Bergamo” spiega uno degli operatori della cooperativa impegnata in questi giorni. Danni anche al parco del Patronato, dove una pianta è caduta sopra la casetta di legno del deposito comunale nel parco, anche quì in questi giorni sono al lavoro gli operatori per rimettere in sicurezza e pulire l’area. Piante spezzate anche lungo il tratto di ciclabile che costeggia il viale Europa, verso le Fiorine, così come per il gruppo alpini di Clusone che aveva allestito tutto alla casa dell’orfano in vista della Festa Alpina di domenica scorsa, una pianta ha travolto nella notte di venerdì un tendone danneggiandolo. La Protezione civile è poi intervenuta in via dei Tigli e sul Monte Crosio dove altri alberi sono caduti su una linea elettrica.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare