Cerca
Close this search box.

88 anni dell’Avis di Bergamo

Mattinata ricca di appuntamenti per celebrare la ricorrenza dell’88° anniversario dell’Avis Comunale di Bergamo quella di oggi, sabato 24 febbraio: il programma delle iniziative ha visto lo svolgimento, presso l’Aula di Formazione 2 dell’ASST Papa Giovanni XXIII a Bergamo, dell’Assemblea Ordinaria dei Soci, seguita dalla presentazione del progetto “I primi mille giorni di vita” e, a chiusura, dall’intitolazione della “Via Donatori di sangue“, nuovo odonimo del tratto che collega Via Martin Luther King e Via Emanuela Brambilla, a cura dell’Amministrazione Comunale.

 L’Assemblea Ordinaria dei Soci ha reso conto dell’operato dell’associazione nel corso del 2023, “un anno significativo – ha spiegato Paolo Comana, Presidente Avis Comunale Bergamo – per l’intensa e qualificata attività di promozione della donazione di sangue e rafforzamento della cura dei donatori, con particolare riferimento alla Rassegna ‘Cura è la nostra cultura’. La rassegna è stata l’occasione di riflettere sul tema della cura come fondamento della donazione: i seminari organizzati hanno visto la collaborazione di Avis a tutti i livelli, la partecipazione di personalità di rilevanza nazionale e raccolto la fattiva disponibilità del Comune di Bergamo, dell’ATS Bergamo, della Diocesi, della Fondazione MIA, dell’Associazione BergamoScienza, della Fondazione Papa Giovanni XXIII, dell’Istituto Paolo VI di Brescia, dell’Istituto Suore delle Poverelle e di altri Enti, che ringrazio”.

L’Assemblea Ordinaria dei Soci ha poi lasciato spazio alla presentazione del progetTO, finanziato dall’Associazione Nepios ONLUS, sostenuto da Avis Comunale Bergamo attraverso una Borsa di Studio intitolata al Past President “Gianni Civera” e gestito dal reparto Neuropsichiatria Infantile sotto la direzione del Direttore U.O. Dott.ssa Patrizia Stoppa. Dopo il saluto della Presidente dell’Associazione Nepios ONLUS, Tullia Vecchi, che ha affermato che “l’obiettivo è avere più risorse nella prima infanzia per permettere di trasformare in senso terapeutico gli interventi di consultazione, sempre più richiesti, per gravi disturbi della relazione e dello sviluppo neuropsichico del bambino e modificare la relazione tra bambino e la sua famiglia”, la Dott.ssa Stoppa ha evidenziato l’importanza di intercettare, approfondire e prendere in carico i sintomi di disagio nei primi mille giorni vita dei bambini, considerati sempre più centrali per la crescita, la salute e il corretto sviluppo fisico e mentale. Appoggiando questa iniziativa, l’Avis Comunale di Bergamo intende impegnarsi ulteriormente nella prevenzione della salute pubblica, attuando il proprio mandato di “operatore della salute”.

 La giornata si è conclusa con la cerimonia di intitolazione di Via Donatori di sangue nelle immediate vicinanze dell’Ospedale, a cura dell’Amministrazione Comunale e alla presenza dell’Assessore ai Servizi demografici del Comune di Bergamo Giacomo Angeloni, al quale il Presidente Comana ha rivolto un sentito ringraziamento per aver accolto la richiesta avanzata dall’associazione. “88 anni di AVIS Bergamo – ha dichiarato Giacomo Angeloni  sono un traguardo di straordinaria importanza. L’Amministrazione lo celebra con l’intitolazione di questa strada che dà valore al gesto del dono inteso come atto libero, reciproco nella capacità di creare relazione di bene tra le parti, fondamentale e costitutivo del vivere comune. Una festa quella di oggi per tutta la nostra comunità che esprime da sempre un’attitudine quasi innata alla generosità e all’impegno a favore dell’altro.”

È con profonda gratitudine – ha affermato Francesco Locati, Direttore Generale ASST Papa Giovanni XXIII – che desidero ringraziare le associazioni Nepios e Avis Comunale Bergamo per il loro prezioso e costante sostegno ai progetti del nostro Ospedale. La loro generosità e il loro impegno costituiscono un tassello fondamentale per garantire la qualità e l’efficacia dei nostri servizi sanitari. Inoltre, desidero esprimere la riconoscenza dell’ASST Papa Giovanni XXIII al Comune di Bergamo per aver dedicato una via ai donatori di sangue, un gesto che valorizza in modo tangibile l’importanza della donazione e il suo impatto positivo sulle attività di trapianto”. “La Via dei benefattori dell’ospedale,  ha aggiunto Simonetta Cesa, Direttore Socio-Sanitario ASST Papa Giovanni XXIII – insieme alle due vie intitolate a Roberto Failoni, il primo ricevente, e a Emanuela Brambilla, la prima donatrice, simboleggiano un legame profondo tra la comunità e l’Ospedale, un legame che si traduce in vita e speranza. Questa toponomastica non è solo un omaggio, ma un abbraccio ideale che riflette l’essenza stessa della nostra missione: salvare vite e promuovere il benessere della comunità del territorio. Un sentito ringraziamento va a tutte le parti coinvolte nella riuscita di questa cooperazione a beneficio del territorio; dai singoli donatori, agli enti, associazioni e istituzioni comprese”.

“È evidente – ha concluso Paolo Comana – che la realtà cittadina sia molto diversa da quella del 1936, anno in cui la nostra associazione è stata fondata: è proprio per questo che ci chiediamo in che modo potremo garantire la prosecuzione del nostro servizio alla comunità. Crediamo che il nostro rapporto con la città non possa più fondarsi sulla risposta all’emergenza, ma che debba realizzare ‘servizio’: individuare, cioè, quale ‘sentimento’ possa radicare la motivazione al dono del sangue. In ogni caso, si rende necessario che ciascun avisino faccia proprio lo scopo statutario: ‘promuovere la donazione di sangue’, in qualsiasi forma ciò sia possibile”.

Condividi:

Ultimi Articoli

Inaugurata la ciclovia Bergamo – Brescia

Inaugurata oggi pomeriggio, 13 aprile, la ciclovia Bergamo-Brescia: 76 chilometri attraverso 28 comuni delle due province.  Si tratta di un’opera molto attesa soprattutto dagli appassionati

ambulanza montagna.jpg

Investito dalla sua auto muore un 73enne

Investito dalla sua auto, un 73enne di Vertova, Francesco Zucclini, meglio conosciuto come Franco, ex muratore e camionista in pensione,  ha riportato ferite gravissime che