Trattore Montisola1

72enne schiacciato dal trattore a Montisola

Grave infortunio a Montisola questo martedì 23 maggio poco dopo le 14.00 nei prati sovrastanti la piccola frazione di Senzano.

A quell’ora un pensionato di 72 anni, Ernesto Archini, abitante al civico 20 del borgo di Senzano, stava lavorando nel suo podere a quota di 450 metri tra Senzano a Cure, lungo la strada ed i boschi che conducono alla Madonna della Ceriola. Era a bordo del suo trattore dotato di un erpice per rivoltare l’erba tagliata al mattino con la motofalciatrice ed aveva praticamente rivoltato quasi tutto il fieno, partendo dall’alto a abbassandosi verso l’ampia conca piatta, prima della quale il terreno è più scosceso e presenta un rilievo pronunciato. Stava percorrendo quel rilievo da ovest verso est quando ad un certo punto l’erpice deve essersi impigliato in un sasso affiorante o uin un tratto di terreno particolarmente duro e quindi deve aver forzato facendo da catapulta. In pochi metri il trattore si è ribaltato sul suo fianco sinistro, è caduto per una decina di metri e si è fermato a ruote all’aria. Il pensionato era però rimasto sotto incastrato: qualcuno, dalla vicina strada che sale a Cure ha visto e ha dato l’allarme: sul posto sono giunti i volontari del 118 dell’Isola con il proprio mezzo da terra speciale e quindi da Brescia è arrivato l’elicottero, atterrato a pochi metri dal luogo dell’incidente. Per oltre un’ora l’équipe del 118 ha tentato di rianimare l’uomo, ma non c’è stato nulla da fare. Ernesto Archini è morto per le gravi ferite riportate, schiacciamento toracico, cranico e addominale. I rilievi di legge sono stati effettuati dal carabinieri di Marone con il supporto della Polizia locale. Una volta ottenuto il nulla osta del magistrato di turno, la salma dell’anziano è stata ricomposta nella sua abitazione dove a poco a poco parenti, amici e compaesani si sono riuniti, increduli per l’accaduto così fulmineo. Il luogo dell’incidente è un ampio prato, ben tenuto e comodo da raggiungere e da lavorare e solo una tragica coincidenza può spiegare l’accaduto. Ernesto Archini lascia la moglie Andreina Turla ed i figli Roberto e Simone che vivono in famiglia. Vivo cordoglio su tutta l’isola dove Archini era conosciuto e dove, soprattutto, la notizia si è diffusa in un baleno.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La Lombardia rimane gialla

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha confermato che la Regione resta in zona gialla. “Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della cabina di