Cerca
Close this search box.

Habitat artificiali per i pesci dei laghi

Avviati i lavori per la valorizzazione del fondale del Sebino con l’impiego del materiale legnoso flottante. L’amministratore di MP  – Manutenzione e Promozione Laghi, il “braccio operativo” dell’Autorità di.Bacino Lacuale dei laghi Iseo, Endine e Moro,  Marco Terzi ò’ha definita: “azione importante per favorire la riproduzione dei pesci e dare loro un ambiente protetto dai predatori”.

La società MPL –ha avviato il progetto destinato alla valorizzazione del fondale del Sebino, attraverso l’impiego del materiale legnoso flottante raccolto nelle vicinanze della foce del Fiume Oglio negli anni scorsi. Si tratta – in estrema sintesi – di posizionare sul fondale del lago, ad una profondità compresa tra i 6 ed i 10 metri – 14 i punti individuati – una serie di “ceppaie”, composte da legname, ramaglie, residui legnosi recuperati dai battelli spazzini. “Sono veri e propri habitat sommersi – ha spiegato Marco Terzi, amministratore unico di MPL – composti in tre differenti tipi: gruppi di ceppaie, gruppi di fascine e alberi frondosi. Una volta posizionati ed ancorati sul fondale, fungeranno da riparo ai pesci da predatori, e agevoleranno la riproduzione di molte specie ittiche, tra cui persico reale, luccio, anguilla e scardola”. “L’obiettivo del progetto – ha continuato Terzi – è quello di favorire al tempo stesso la biodiversità e la capacità portante dei laghi”. Interessante notare come la composizione dei diversi habitat sia stata ricavata dal material e legnoso raccolto dopo le piene del fiume Oglio nella zona della sua foce: “Il recupero ha una duplice valenza – ha chiuso Terzi – una naturalistica e l’altra di ottimizzazione delle spese legate allo smaltimento di questo materiale. Pertanto la criticità rappresentata dallo smaltimento di quantità sempre più ingenti di materiale legnoso flottante nel lago – e quindi fonte di pericolo per la navigazione – può trasformarsi in risorsa per la diversificazione degli ecosistemi lacustri e per la fauna presente”. La stessa operazione è stata eseguita anche nel bacino del lago di Endine, in località Fossadone Il progetto sul Lago d’Iseo ha visto un investimento di 380mila euro, messi a disposizione dalla Rregione Lombardia, attraverso la D.G.Ambiente, per il bando “Interventi di tutela e risanamento delle acque lacustri”.

Condividi:

Ultimi Articoli

Terremoto questa mattina a Lumezzane

Terremoto a Lumezzane, l’evento sismico si è verificato nella mattinata di oggi (giovedì 18 aprile 2024). Come riferito dall’Ingv Roma (Istituto nazionale di Geofisica e