Politica impazzita: Moraschini (Esine) prossimo Presidente della Provincia di Brescia

La politica è impazzita e si allontana sempre di più dalla gente che non capisce. E’ pur vero che l’Ente Provincia, per come è ridotto adesso, ha ben poco valore ma che diventi luogo di abbuffate ha del tragicomico. Effetto della Legge Delrio che sotto la regia di Matteo Renzi ha sfasciato quello che di buono era rimasto sul martoriato territorio. Ci sono volute sette ore di riunioni, incontri, telefonate, almeno quelle ufficiali, Sembra di sentirli; tu dai una cosa a me e io do una cosa a te. Pari siamo. Alla fine la quadra è stata trovata. Emanuele Moraschini sarà il nuovo presidente della Provincia di Brescia. Sarà lui l’unico candidato che il 29 gennaio sindaci e consiglieri comunali si troveranno sulla scheda per eleggere il numero uno di Palazzo Broletto.

Un «accordo istituzionale» per garantire «stabilità e solidità» alla Provincia in vista di un mandato che si annuncia breve e di transizione, visto che tra un anno o poco più si potrebbe tornare all’elezione diretta di presidente e consiglio provinciale.

Moraschini, sindaco di Esine, è un civico. Il suo nome è stato messo sul tavolo da Fratelli d’Italia. Un nome che ha da così corpo alle «larghe intese» evocate da mesi Restano le perplessità di Forza Italia che teme che un accordo che coinvolge tutte le forze politiche si possa trasformare in un’ammucchiata dove non si decide nulla

Condividi:

Ultimi Articoli

Operazione contro traffico di droga in Europa

Operazione contro traffico di droga in Europa

Dalle prime ore della mattinata odierna, il Servizio Centrale d’Investigazione sulla Criminalità Organizzata e il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Brescia della Guardia di Finanza,