Val RAbbia

50mila euro per il monitoraggio della Val Rabbia

Oltre 50.000 euro per finanziare, in tempi brevi, il pieno ripristino della funzionalità del sistema di monitoraggio e allarme delle colate detritiche della Val Rabbia, nel Comune di Sonico. Sono le risorse stanziate dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni.

“Abbiamo preso atto della necessità di intervenire in maniera rapida prima dell’estate, quando è più alta la possibilità di forti piogge e di temporali, per garantire così la migliore efficienza del sistema di monitoraggio e di allarme – ha commentato l’assessore -. La nostra attenzione per la sicurezza del territorio e delle popolazioni è sempre costante e al massimo livello e questo sistema ha già dato ottima prova di sé in più di un’occasione”. Regione Lombardia ha voluto finalizzare i fondi stanziati alle opere di manutenzione e agli interventi di ripristino della completa funzionalità del sistema di monitoraggio delle colate detritiche formate dalle cosiddette ‘catene’, le funi a strappo collegate ai sensori di allarme. Negli ultimi anni abbiamo investito quasi 5 milioni di euro per la messa in sicurezza dell’abitato di Sonico, della frazione di Rino e delle infrastrutture vicine, con la ricostruzione del ponte spazzato via nel 2012, la costruzione di un rilevato a difesa della strada e della ferrovia Brescia-Edolo, e numerose altre opere di rifacimento e potenziamento degli argini e delle sponde del torrente Rabbia e del fiume Oglio – ha concluso l’assessore -. Con questi ulteriori fondi, testimoniamo una volta di più alle popolazioni della Valle Camonica la nostra
attenzione e la nostra vicinanza”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Un corso per la cosmesi naturale

Nell’ambito della rassegna “Estate nel Parco 2021”, il Centro Faunistico del Parco dell’Adamello, gestito dall’Associazione LOntànoVerde con il supporto del Parco dell’Adamello e del Comune