Broletto

40 milioni dalle multe a Brescia

Il consiglio provinciale di Brescia si è riunito per la prima approvazione del bilancio preventivo del 2018. Tra le operazioni più evidenti emerge che la Provincia è riuscita a ricontrattare il mutuo con la Cassa depositi e prestiti per 2,8 milioni di euro, ha incassato 6,9 milioni dalla cessione delle quote in Centropadane ed ha incassato ben 40 milioni di euro dalle multe stradali.

I fondi a disposizione prevedono 1 milione destinato allo svolgimento del referendum pubblico sull’acqua, 2,250 milioni di euro in più al trasporto pubblico locale, alla formazione professionale ed ai comuni. Giovedì 19 aprile l’Assemblea dei sindaci dovrà deliberare sul bilancio prima dell’approvazione definitiva in Consiglio provinciale, nella giornata di martedì 24 aprile. Per quanto riguarda le spese, nel 2018 sono previsti 333 milioni di euro, di cui un terzo per gli investimenti. Dopo quanto emerso per la vicenda dei tutor sulla tangenziale sud, il consigliere delegato Diego Peli ha sottolineato che l’ente dovrà aggiornare l’attrezzatura, ma i portali di controllo della velocità resteranno. Nel frattempo, mercoledì 18 il presidente della Provincia Pier Luigi Mottinelli dovrebbe incontrare il nuovo governatore lombardo Attilio Fontana per parlare anche delle somme sul trasporto pubblico locale, la formazione professionale e le varie deleghe. A proposito di queste, la Provincia chiederà di rivedersi assegnata la competenza sulla caccia e pesca.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli