4 condannati per appalti truccati a Cimbergo

Il Tribunale di Brescia ha emesso 4 condanne per la vicenda degli appalti truccati a Cimbergo nei confronti di altrettanti imputati, accusati di aver depositato un’offerta tecnica di partecipazione al bando palesemente insufficiente o sbagliata, al solo scopo di favorire una sola ditta e di rispettare il turn over di aggiudicazione dei bandi che prima o poi avrebbe accontentato tutti.

Uno di essi doveva rispondere di aver partecipato alla gara esclusivamente per impedire che il posto, se lasciato vacante, potesse essere occupato da qualcun altro, che il meccanismo di cui sopra potesse incepparsi e la ditta con cui era stato concordata l’operazione non riuscisse ad aggiudicarsi la commessa. I quattro sono stati condannati ad un anno e quattro mesi, come chiesto dal sostituto procuratore Ambrogio Cassiani, titolare del fascicolo sull’inchiesta aperta sui presunti illeciti compiuti nella gestione di alcune gare messe a bando dal comune di Cimbergo nel 2018. Con il rito abbreviato deciso dai difensori dei 4 e i 14 patteggiamenti ratificati lo scorso 13 luglio, si sta chiudendo la prima fase della vicenda giudiziaria per la definizione processuale del corposo fascicolo. Il prossimo 13 marzo inizierà il processo a carico degli otto imputati che sono stati rinviati a giudizio e che affronteranno il dibattimento.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli