La Fase 2 in Lombardia

La nuova ordinanza regionale sulla Fase 2, firmata dal presidente Attilio Fontana, è sostanzialmente in linea con le misure del governo, prevedendo però la permanenza dell’obbligo di coprirsi naso e bocca con mascherine, oppure sciarpe o foulard, anche all’aperto.

Oltre al calendario delle riaperture previsto a livello nazionale, in Lombardia potranno riaprire i mercati all’aperto ma solo per quanto riguarda la vendita di generi alimentari e nel rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid-19. A poter riaprire lunedì saranno anche studi professionali, cartolerie, librerie e negozi di fiori. Vengono meno, inoltre, le restrizioni per i distributori h24 di prodotti alimentari che quindi potranno vendere di tutto e non più non solo acqua, latte e prodotti farmaceutici e parafarmaceutici, come previsto dal precedente Dpcm. I ristoranti, oltre che consegnare a domicilio, potranno anche offrire servizio di asporto, sempre nel rispetto del divieto di assembramento. La possibilità di tornare in attività in Lombardia riguarda anche servizi bancari, assicurativi e alberghieri, negozi di riparazione e vendita di computer, telefoni ed elettrodomestici, articoli per illuminazione, ferramenta, vernici, materiale elettrico termoidraulico e apparecchiature fotografiche. Il commercio al dettaglio ripartirà il 18 maggio. Mentre parrucchieri, estetisti e barbieri dovrebbero poter tornare in attività il 1° giugno insieme a bar e ristoranti. Dal 4 maggio i lombardi potranno fare sport e attività fisica all’aperto senza dover rimanere a 200 metri dalla propria abitazione. Come in tutta Italia, inoltre, ai motivi già validi per gli spostamenti – lavoro, salute e comprovata necessità – si aggiunge quello delle visite ai congiunti, che dovranno avvenire comunque all’interno del territorio regionale. Particolare attenzione si dovrà avere per le visite agli anziani; a questo proposito il Pirellone ha diffuso un decalogo del buon comportamento per le visite ai nonni da parte dei nipotini. Da lunedì sarà poi possibile andare nei parchi, nei giardini e nelle ville che verranno riaperti, per correre o passeggiare, ma rispettando alcune regole. Via libera anche alla toelettatura degli animali, e per l’accesso agli orti, anche se distanti dall’abitazione di residenza. Per i mezzi pubblici le corse, che potrebbero essere potenziate, saranno ‘a numero chiuso’ e prevederanno uno spazio tra i sedili per distanziare i passeggeri. I posti a disposizione sui mezzi saranno comunque inferiori, per questo e per evitare di creare affollamento, l’auspicio è che i cittadini usino biciclette o scooter. I convogli di Trenord potranno trasportare passeggeri pari al 50% dei posti a sedere: la capienza verrà quindi tagliata di tre quarti. I passeggeri potranno salire a bordo del treno soltanto se indosseranno guanti e mascherina. Una volta all’interno della carrozza potranno sedersi solo sui sedili liberi dal “bollino”. I viaggiatori, inoltre, potranno accedere solo se ci sarà posto. E se il treno fosse già tutto occupato non si potrà salire: bisognerà aspettare la corsa successiva.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Lombadia, ancora alto il numero di decessi

Aggiornamenti relativi ai dati pubblicati sabato 30 maggio. In totale in Lombardia sono stati eseguiti 88.758 tamponi positivi dall’inizio dell’epidemia, 221 in più di venerdì. I