3 miliardi per far ripartire i cantieri lombardi

La giunta regionale della Lombardia mette a disposizione di Comuni e Province lombarde risorse per 3 miliardi di euro. Di questi, 400 milioni sono destinati direttamente a Comuni e Province per opere immediatamente cantierabili, il resto per altre opere regionali. Fondi, nelle intenzioni dei vertici lombardi, stanziati per favorire l’uscita dall’emergenza economica che seguirà a lungo a quella sanitaria.

I fondi saranno spalmati tra il 2020 e il 2022, con l’ottica di fornire risorse che potranno essere effettivamente investite dagli enti locali. Obiettivo: far ripartire il motore dell’economia lombarda. L’impegno di Regione Lombardia è senza precedenti per la quantità di risorse destinate a favore dei municipi. «Brescia – afferma il presidente Attilio Fontana – riparte dai cantieri. Strade, scuole, viadotti, impianti sportivi, manutenzioni, prevenzione del dissesto idrogeologico e tutte le altre opere necessarie a creare ricchezza e lavoro per una città e un territorio che hanno tanto sofferto in questi mesi. La Lombardia, culla dei liberi Comuni riparte dalle sue radici, dalle sue comunità che in questi mesi hanno resistito alla più grave crisi dal dopoguerra, dai suoi Sindaci che saranno finalmente in condizione di dare risposte concrete ai  cittadini». A Brescia capoluogo, in particolare, andranno 2 milioni di euro. Ai comuni della provincia altri 47,8 milioni, ripartiti per fasce in base alla popolazione residente: gli importi per singolo comune variano per quote pari, rispettivamente, a 100, 200, 350 e 500mila euro.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli