3 interventi del Soccorso Alpino

BERGAMO – Tre interventi l’altra notte per i tecnici della VI Delegazione Orobica del CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico).

 

Verso le 16:30 di venerdì pomeriggio sono stati chiamati per un uomo di Bergamo di 38 anni, bloccato in un’area impervia e rocciosa a 2700 metri di quota, sul Pizzo del Diavolino, tra Carona e Valbondione Aveva risalito il Pizzo del Diavolo, da solo, e scendendo dall’altro lato ha perso l’orientamento e si è ritrovato su una zona molto ripida, con balzi rocciosi. Per fortuna il telefono recepiva il segnale ed è riuscito a chiedere aiuto. Le condizioni meteorologiche in zona erano critiche, con scarsa visibilità, nebbia, base temperature e precipitazioni. Il primo a raggiungere l’uomo è stato il tecnico di elisoccorso del CNSAS. Prima è stato calato in quota, poi ha proseguito a piedi ed è riuscito a compiere l’operazione con grande professionalità e ragguardevoli capacità tecniche e alpinistiche, in attesa dell’arrivo delle squadre territoriali della VI Delegazione Orobica. Nel frattempo, un medico e un infermiere sono giunti al Passo di Valsecca, un poco più in basso, per prestare le prime cure: l’uomo era illeso ma in condizioni di ipotermia significativa. Verso mezzanotte i soccorsi sono arrivati sulla persona. È stato poi raggiunto il rifugio Calvi con i mezzi fuoristrada. I tecnici del Soccorso alpino sono scesi, a piedi, dalla montagna, e l’intervento si è concluso sabato mattina all’alba.

Il secondo intervento è cominciato alle 19:25 di venerdì 17 settembre e ha riguardato il recupero di un pescatore, scivolato nei pressi di un torrente in Valle dei Molini, nella zona di Gerosa Val Brembilla. Era uscito nel primo pomeriggio ed i familiari hanno chiesto aiuto non vedendolo rientrare. I tecnici della VI Delegazione Orobica e quelli della IX Delegazione Speleologica, in stretta collaborazione con la speciale Squadra Regionale Forra, hanno svolto l’intervento congiunto in notturna, in presenza di un forte temporale. L’uomo è stato ritrovato, senza vita, verso l’una di notte. Le squadre sono rientrate alle 6:30. Importante la collaborazione con i vigili del fuoco e le squadre antincendio boschivo AIB della Comunità Montana Val Brembana.

L’ultimo intervento è iniziato alle 21:00. Un uomo di 85 anni residente in zona, uscito per una passeggiata, si è trovato in difficoltà in una zona impervia e boscosa nei dintorni di Roncobello. Non riusciva a rientrare in modo autonomo. I tecnici sono stati allertati. L’uomo è stato ritrovato da alcuni parenti e da altre persone residenti in zona. Il Soccorso alpino è stato chiamato dalla Centrale operativa per il recupero, in quanto l’uomo si trovava in un’area difficile da raggiungere. (testo e foto CNSAS Lombardia)

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La casa che verrà

Con un cospicuo investimento la vecchia caserma della guardia di finanza di Breno diventerà un centro all’avanguardia per i disabili con un nuovo social food,

Clusone, la città dei balocchi

Sabato 4 dicembre in occasione della Notte Bianca, Comune di Clusone e Turismo Pro Clusone presentano “Clusone, la città dei balocchi“. A partire dal pomeriggio

Selvino, si avvicina il Natale

Dal 4 dicembre nel cuore di Selvino si accende Il Natale con Il Natale a 1000: mercatini tradizionali e iniziative natalizie per bambini e adulti