21esima Sky Marathon a Corteno Golgi

Presentata ufficialmente la 21esima edizione della Sky marathon, la “Maratona del cielo”, “Sentiero 4 luglio”, che si correrà domenica 3 luglio.

La gara è valevole per la prova di Campionato italiano assoluto di skymarathon 2016 e gara valevole per la selezione ai campionati mondiali di skyrunning 2016. Le iscrizioni si chiudono il 30 giugno con un limite massimo di 400 atleti. La tragica morte di un giovane, Davide Salvadori di Corteno Golgi, il 4 luglio 1992, ha fatto nascere questa grande manifestazione sportiva che dal 1993 ha portato nella valle di Corteno i migliori atleti italiani e internazionali della Sky Marathon che hanno percorso e percorreranno il sentiero dedicato a Davide con la data della sua morte: il 4 luglio. Sarà così anche quest’anno, nella giornata di domenica 3 luglio, quando i 400 atleti ammessi alla competizione si daranno battaglia per il titolo, l’aggiudicazione della prova del campionato italiano e l’accesso al mondiale. Per realizzare questo evento da mesi i volontari sono al lavoro ed un vero e proprio esercito di oltre 200 persone che hanno lavorato a preparare ben 80 chilometri di sentieri, faranno preparazione e assistenza alla gara, cureranno accoglienza, logistica e gestione dell’evento. Insomma: saranno il cuore della manifestazione. Ci sarà il passaggio tra Less e S. Antonio, interrotto a una frana da gennaio scorso, che potrebbe essere terminato con la nuova passerella: e se così non fosse, c’è già l’alternativa pronta per gli atleti e l’organizzazione. Questo sabato la conferenza stampa di presentazione presso il municipio di Corteno Golgi dove è stata data anche indicazione per ricavare notizie dal sito www.maratonadelcielo.it.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare