Opsdaqle civile pronto soccorso

15 medici indagati per la morte della piccola Nicole

Nicole, la bambina bresciana di quattro anni morta lo scorso aprile al Civile di Brescia per un’infezione dovuta ad un’otite, poteva essere salvata. Lo sottolinea la relazione dei consulenti della Procura di Brescia in una relazione.

 

La Procura aveva iscritto nel registro degli indagati 15 medici che avevano preso in cura la bambina passata dalla pediatra di famiglia, dall’ospedale di Manerbio, dalla Clinica Poliambulanza di Brescia e infine al Civile pediatrico. Un ruolo fondamentale l’avrebbe avuto la pediatra di libera scelta la cui condotta è stata definita “superficiale e poco accorta”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché