100 pazienti Covid19 dimessi a Esine

Comunicato stamp adella Ass tdella Valcamonica di lunedì 23 marzo, ore 17.00, sulla situazione della lotta al contenimento dell’epidemia da Coronavirus

Confermando le disposizioni adottate nelle giornate precedenti, di cui ai pregressi comunicati stampa, le principali misure adottate nella data odierna (23.03.2020) sono così compendiate:
1) si conferma che l’Ospedale di Esine viene dedicato prioritariamente alla cura dei casi di COVID-19; alla data odierna complessivamente n.217 posti letto disponibili sono dedicati all’emergenza; i restanti sono destinati al trattamento in regime di ricovero delle patologie delle diverse branche specialistiche trasferendo, solo se necessario, la gestione di parte dei pazienti non-COVID presso altri Ospedali individuati da Regione Lombardia come Ospedali Hub dedicati appunto a patologie non-COVID;
2) si assiste, nell’ambito del trattamento complessivo dei numerosi pazienti in carico, alla dimissione ad oggi di un numero complessivo di n.100 pazienti già ricoverati in reparti di degenza per COVID – 19, in ragione del significativo miglioramento delle proprie condizioni cliniche, rendendo possibile la prosecuzione domiciliare della convalescenza; 3) con riguardo al servizio di supporto psicologico telefonico a chi si trova in quarantena o isolamento domiciliare a causa dell’emergenza coronavirus (attivabile tramite mail: prontopsicologo@asst-valcamonica.it), alla data odierna sono stati effettuati circa 50 contatti; da domani (24.03.2020) il servizio sarà accessibile, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 17,00, anche telefonicamente al n.0364/329416 – 0364/540213; specifico servizio di supporto verrà attivato anche a favore degli operatori; 4) l’attività di effettuazione dei tamponi per l’accertamento di contagio da COVID – 19, svolto da quest’ASST, ha ad oggi effettuato, a favore di dipendenti e di soggetti esterni, circa 200 prelievi tramite l’apposito ambulatorio istituito presso il Presidio; 5) con riguardo ai dispositivi di protazione individuale (DPI), Regione Lombardia assicura, tramite forniture periodiche ravvicinate, le necessaria disponbilità, al fine di garantire la tutela di pazienti ed operatori. Con l’ultima consegna, che si somma alle numerose precedenti e alle donazioni già ricevute da terzi, sono messe a disposizione dell’Azienda: n.2.200 mascherine ffp2; n.6.600 mascherine chirurgiche; n.1100 camici chirurgici, n.500 occhiali; n.500 visiere e n.100 calzari, che si sommano a n.6000 camici chirurgici acquistati direttamente dall’ASST; quindi l’Azienda sta garantendo la situazione di protezione a pazienti ed operatori secondo le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS); 6) il servizio di trasporto a domicilio di pazienti COVID – 19 da dimettere ed impossibilitati ad un ritorno all’abitazione tramite la rete familiare attivato dalla Comunità Montana di Vallecamonica ha consentito, in soli tre giorni di funzionalità, n.12 servizi a favore di soggetti fragili; 7) per simboleggiare al meglio questo momento in cui ognuno di noi è chiamato a dare il meglio di sè, è stato esposto presso la Sala Riunioni dell’Ospedale di Esine un quadro realizzato dalla Dott.ssa Chiara Bigatti (vedi foto allegata); un gesto che vuole essere un ringraziamento a tutti gli operatori dell’azienda che stanno operando ormai da molti giorni con grande dedizione e spirito di abnegazione: tutti stanno facendo la loro parte: Medici, Infermieri, Operatori Socio-Sanitari, personale tecnico e amministrativo;
8) si invitano i cittadini, anche tramite la stampa, ad attenersi scrupolosamente alle indicazioni ministeriali e regionali già emanate, nonché alle disposizioni che le autorità pubbliche vorranno adottare. In particolare si ribadisce l’importanza di rimanere a casa per impedire l’ulteriore diffusione del virus; Coerentemente con le indicazioni nazionali e regionali ed allla luce delle prescrizioni di cui al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’1.3.2020 (come integrate e specificate con successivi provvedimenti), quest’ASST conferma l’invito ai cittadini a seguire le seguenti norme di comportamento: – prenotazioni di prestazioni sanitarie e socio sanitarie: in luogo della fisica presenza presso i front office aziendale, privilegiare le prenotazioni telefoniche al call center regionale 800.638.638, numero verde gratuito da rete fissa, – 02.99.95.99 da rete mobile, o aziendale 800.270.662 da telefonia fissa – 0364.439501 per cellulari ed estero, oppure tramite Internet. – accesso agli sportelli e agli uffici aziendali: si suggerisce di limitare l’accesso agli uffici amministrativi aziendali, della sede e delle articolazioni territoriali, per il disbrigo di pratiche burocratiche urgenti non differibili, privilegiando contatti telefonici ed in via informatica.
I visitatori dei pazienti ricoverati devono recarsi nei presidi ospedalieri solo in caso di reale necessità, una persona per paziente e seguire scrupolosamente le indicazioni dei servizi di portineria e del personale di reparto. Si ricorda inoltre che: • nel caso insorgano febbre, tosse e/o sintomi influenzali o problemi respiratori, l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di chiamare il numero 800-894545 per la corretta presa in carico da parte delle Autorità Sanitarie;

• per segnalazioni e quesiti è attivo il numero 1500 numero di pubblica utilità istituito da Ministero della Salute.
Si invitano i cittadini a dare credito alle sole fonti ufficiali: a tal fine è bene consultare il sito di Regione Lombardia www.regione.lombardia.it o il sito del Ministero della Salute www.salute.gov.it.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

autobus linea

Modifiche di percorso delle linee 3 e 9

Bergamo, 23 ottobre 2020 – ATB comunica che sabato 24 ottobre, in occasione dello svolgimento della partita di calcio “Atalanta-Sampdoria” dalle ore 13:00 alle ore